Il 1949 Parma baseball Club ha annunciato nel tardo pomeriggio di ieri l’ingaggio del giovane interno, classe 1999, Riccardo Paolini, proveniente dal Collecchio. Di origine venezuelana ma con passaporto italiano, cosa che gli è valsa la convocazione in nazionale azzurra per i mondiali Under 18, è stato uno dei trascinatori della squadra di Marcello Saccardi nella passata stagione, chiusa con una media battuta di .326, con 21 punti battuti a casa e 31 valide su 95 turni validi nel box.

Per il Parmaclima si tratta del terzo tassello inserito nell’intelaiatura della squadra che affronterà con rinnovate ambizioni l’Italian Baseball League 2018, dopo la conferma di Charlie Mirabal e il ritorno di Sebastiano Poma. Nello scorso campionato ha giostrato prevalentemente all’interbase, ma è in grado di ricoprire anche le posizioni di terza e seconda base, dove quasi certamente Poma intenderà utilizzarlo in alternativa a Davide Benetti. il suo ingaggio conferma una volta di più l’intenzione della società di rinforzare la squadra inserendo giovani talenti, provenienti da squadre del territorio, per affiancarli ai giocatori più esperti. Il progetto tecnico procede quindi sui passi già tracciati negli ultimi anni, nonostante la crescita della società e di conseguenza anche il miglioramento delle condizioni economiche che permettono ora al club di programmare, anche e soprattutto grazie all’importante contributo dello sponsor Parmaclima, un futuro importante con maggiore serenità.

Insomma, una novità importante che magari non cambierà, per ora, il volto alla squadra, ma che deve far sorridere i tifosi, in attesa degli altri colpi importanti, attesi per le prossime settimane. Perché è ancora in ballo la trattativa con Alex Sambucci, che, come avevamo anticipato qualche giorno fa, dopo essersi incrinata, sembra aver ripreso quota, tanto da far ritenere i dirigenti del Parma moderatamente ottimisti sull’esito finale. Di certo, o quasi, c’è invece la conferma del ricevitore Alessandro Deotto, che era parso ormai deciso di trasferirsi a Rimini, ma alla fine ha accettato le proposte della sua società e appena farà rientro in città si incontrerà con i dirigenti per concludere l’accorso. Non sarà invece del gruppo l’altro ricevitore, Lorenzo Maestri, che, salvo ripensamenti dell’ultima ora, avrebbe deciso di abbandonare l’attività agonistica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome