Una società che guarda al futuro

Gli interventi dei rappresentanti delle istituzioni e della società. Applauditissima la dichiarazione del presidente Zbogar. I progetti per il futuro

0
372

Il 1949 Parma baseball club, questa la ragione sociale del maggiore club della città, ha risollevato il baseball di alto livello da una fine sicura e ingloriosa all’inizio della stagione 2016, ricostruendo dalle macerie del vecchio Parma baseball una società che in due anni si è ampiamente consolidata e strutturata sotto la guida del presidente Paolo Zbogar e dei suoi collaboratori. Il club è costituito da circa cento soci ch eleggono il consiglio direttivo, formato ora dal presidente Zbogar, dal vice Andrea Savani, da Maurizio Renaud e dai consiglieri Franchini e Carpena. Al loro fianco, dalla scorsa stagione l’importante azienda Parmaclima, main sponsor del club, di proprietà di Luca Meli, titolare appassionato di baseball, sport che ha praticato in giovane età e che gli ha permesso di instaurare un rapporto di amicizia con Gianguido Poma, Massimo Fochi, Claudio Corradi, Edoardo Gastaldo, Stefano Manzini e altri. La sua passione l’ha portato non solo ad affiancare la società, ma a collaborare con essa in modo stabile e sempre più stretto. Il suo coinvolgimento sarà nel tempo sempre più consistente.

Salvato il club e consolidata la situazione economica, il gruppo dirigente ha deciso durante quest’inverno di investire in modo cospicuo nella composizione di una squadra competitiva che potesse puntare ad obiettivi importanti, ma anche nella struttura sanitaria, dotando la squadra di uno staff sanitario all’avanguardia e nel miglioramento dello stadio dal punto di vista del comfort a beneficio di tifosi e appassionati. Un processo che è iniziato ed è ancora in itinere. Di pari passo la dirigenza vuole sfruttare innovativi canali di diffusione del brand del club e dello sport del baseball che vedranno la luce a breve. Allo studio anche la trasmissione in streaming delle partite casalinghe, mentre è già in atto un processo di aggregazione con le altre società del territorio, allo scopo di favorire lo sviluppo dei giovani delle società di Parma che un giorno, si spera, potranno diventare i nuovi protagonisti con la divisa del Parma baseball, ma anche di tornare a riempire di giovanissimi le gradinate dello stadio “Cavalli”. Perché, come ha detto il presidente Zbogar, “E’ per loro che abbiamo fatto e che facciamo tanti sacrifici. Perché loro rappresentano il nostro futuro e riuscire a vederne tanti con la nostra maglia o sulle tribune dello stadio varrebbe più di uno scudetto.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome