Queste sono storie che solitamente si raccontano alla fine di una vacanza estiva al mare, al momento del ritorno a scuola: Marina di Massa, la spiaggia, tante nuove amicizie da portare in valigia nel tragitto sulla Parma-Mare. Ma stavolta, invece della spiaggia che si dipana davanti alla torre Fiat e alla colonia “Don Gnocchi” di Marina di Massa, il teatro è un campo da baseball, anzi da softball, ricavato nell’angolino del foul di sinistra del diamante che sorge su via delle Pinete, a Ricortola (Ms), che tutti noi chiamiamo semplicemente Partaccia. E’ li che Alessandra Riccò, Alice e Maria Vittoria Voltari, Benedetta Mori e Giada Capelli, hanno scritto una delle più belle pagine del softball parmigiano e forse la più bella del softball massese.  Due allenamenti a settimana, partendo nel primo pomeriggio da Parma e ritorno in serata, tutte le partite, praticamente sempre in trasferta, insieme alle loro nuove amiche conosciute sul diamante di via delle Pinete. Alla fine la grande gioia per una promozione in serie A2, sulla quale hanno posto un timbro fondamentale.

Dopo la trionfale regular season, al termine dell’estate, è arrivato il momento del concentramento di semifinale: sul campo dell’Acquacetosa a Roma, il Massa ha prima superato l’Ancona per 8-1 e succesivamente sconfitto nettamente la Randazzanese per 13-4, guadagnandosi l’accesso alla finale al meglio dei tre incontri, che, ironia della sorte, dopo una stagione tutta in “trasferta” per le ragazze parmigiane, è stata organizzata al “Quadrifoglio” di Parma.

Avversarie dell’ABC Massa erano le Stars di Ronchi dei Legionari, che si presentavano con grandi aspettative. Le toscane hanno vinto il primo incontro, con grande sofferenza: in svantaggio per 3-0, trovavano prima la forza di rimontare fino al 3-3 e poi di realizzare, nella parte bassa del quinto, un big-inning da sette punti che vale la vittoria. In gara-2 le ragazze allenate da Pirone e Zanetti, si sono dovute arrendere alle friulane. Al termine di un match combattutissimo. Massa avanti 2-0 al terzo, poi big-inning da sei di Ronchi, tentativo di rimonta toscano fino al 6-4, ma poi al quinto altri cinque punti friulani fissano il risultato sull’11-4. Per avere la meglio nella “bella” c’è stato bisogno di tirare fuori determinazione, concentrazione, voglia di vincere e, sostenute da un tifo “casalingo”, le massesi-parmigiane sono riuscite ad ottenere la vittoria decisiva e coronare questa splendida esperienza con la promozione in serie A2. Gara praticamente a senso unico: Massa avanti 2-0 al primo e 4-0 al secondo, poi altri due punti a quarto e sesto inning fissano il risultato sul definitivo 6-0. Un’esperienza che ha permesso loro di giocare con continuità, cosa che sarebbe stata difficile nella Taurus in A1. Giocare in pratica due campionati, perché oltre a quello con Massa in serie B, le giovani giallo-blù si sono sobbarcate anche la stagione con l’Under 21. Non dimenticheranno mai le loro amiche conosciute in Versilia e porteranno nel cuore un’avventura fantastica, ma ora sono pronte a mettersi a disposizione di Longagnani che proprio oggi ha guadagnato una sudatissima salvezza in serie A1 alla guida della squadra maggiore dell’Old Parma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome