“Spendere meno, ma meglio”, questa è la filosofia che sta animando, giustamente, la campagna rafforzamenti del Parmaclima edizione 2020. Quel “meglio”, nel caso specifico, si chiama Leomartires “Leo” Rodriguez, atleta comunitario di passaporto spagnolo, dettaglio fondamentale, che nella scorsa stagione era in forza al Nettuno Baseball City. Dovendo rinunciare per tutto il campionato al suo miglior giocatore, Charlie Mirabal, il Parma ha ingaggiato ciò che di meglio offriva il mercato. Una garanzia assoluta, tanto in diamante, quanto, soprattutto, nel box di battuta. Ancora più importante, poi, si rivelerà il suo ingaggio, se, come pare, la società gli affiancherà un terza base extra comunitario anch’egli con la dinamite nella mazza. Ecco che a quel punto, se il pitching staff reggerà (ma avremo tempo per parlarne), il discorso scudetto potrebbe non essere una questione riservata tra Bologna e San Marino.

Notevoli le statistiche di questo giocatore sudamericano, giunto per la prima volta in Italia nel 2016, quando vestì la casacca del Novara, arrivato per sostituire Garcia. “Rodriguez tornò in Italia nel 2018 per vestire la divisa del Città di Nettuno.– spiega l’ufficio stampa del 1949 Parma baseball nel comunicato stampa- “Utilizzato prevalentemente nel ruolo di terza base, chiuse la stagione con 35 valide in 111 turni, una media battuta di .315 nobilitata da nove doppi e tre fuoricampo: decisivo alla prima giornata il suo homerun al nono inning nella gara vinta 1-0 contro il Parma Clima.

Nel 2019 Rodriguez ha giocato con il Nettuno City confermando la proprie qualità. La sua stagione si è conclusa con una media battuta di .326, frutto di 30 valide (7 doppi e 6 fuoricampo) in 92 turni.

Nello scorso mese di settembre è stato protagonista nel torneo di Qualificazione Olimpica di Parma e Bologna con la nazionale spagnola. Nell’occasione il nuovo tesserato del Parma baseball è risultato il quarto battitore della manifestazione ottenendo sei valide in quindici turni ed è risultato del tutto estraneo ai gravi incidenti avvenuti al termine della gara vinta dalla Spagna contro l’Italia.”

Si tratta, insomma, di un’assoluta garanzia. Dopo aver affidato il ruolo di ricevitore titolare al “cavallo di ritorno” Alessandro Deotto, la società ducale regala a Gianguido Poma un altro tassello fondamentale per la costruzione della squadra. In attesa dei prossimi annunci, riguardanti sia le due caselle riservate ai giocatori extracomunitari (Parma si terrà in tasca il terzo visto, da utilizzare eventualmente più avanti in caso di necessità), che quelle dei lanciatori italiani, la società ha ufficializzato il rinnovo dei contratti con i giocatori (Non AFGI) Paolini, Koutsoyanopoulos e Habeck. Rinnovi che erroneamente avevamo dato per scontato, ma che sono fondamentali e, almeno in un caso, sembra non siano stati così agevoli. Tre giocatori che hanno dato un grandissimo contributo nella passata stagione e che erano ambiti da altre piazze. Nel contempo si stanno concretizzando alcuni movimenti “minori”, ai quali però la società tiene particolarmente in ottica futura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome