Dopo le comunicazioni ufficilali dei giorni scorsi da parte della Federazione e dopo le nostre interviste a Renaud e Saccardi, anche il presidente del Parma baseball Paolo Zbogar, ha deciso di prendere posizione, inoltrando, attraverso l’ufficio stampa della società, a tutte le redazioni, una lettera indirizzata a tutti gli appassionati.

Per rassicurare i tifosi che la massima società cittadina sarà assolutamente al via della stagione, secondo i programmi prestabiliti, nel caso il Governo desse il  via libera.

Nessun tesserato del Parmaclima è stato contagiato e tutti i giocatori, pur individualmente, si stanno preparando meticolosamente in vista di un’eventuale partenza del campionato, in vista del quale, rassicura Zbogar, la società metterà in atto tutti gli accorgimenti che saranno richiesti per la tutela della salute dei tesserati. (Tamponi per tutti? Spogliatoi separati? Distanziamento fisico? Si vedrà…)

Mentre dal punto di vista economico, come aveva anticipato anche il direttore sportivo Renaud nella nostra intervista della settimana scorsa, per ora nessuno sponsor ha disdetto gli impegni presi.

Il massimo dirigente del club, tuttavia, invoca a gran voce un nuovo incontro tra le società e la FIBS, per capire quali saranno effettivamente le regole alle quali attenersi. Quante squadre saranno al via? In che modalità si giocheranno le partite? Saranno presenti i giocatori stranieri?. Tutti interrogativi, ai quali il presidente vorrebbe dare una risposta nel più breve tempo possibile, perché ad oggi vige ancora grande incertezza.

Di seguito il comunicato integrale diramato dal club:

 

“Cari amici,

Qualcosa si muove ma l’incertezza resta sovrana e le prospettive sportive nebulose.

Avrete certamente letto del nuovo calendario emanato dalla F.I.B.S.: non possiamo che essere contenti che ci sia una voglia generalizzata di riprendere finalmente a giocare e che non sia stato buttato tutto a mare. Tuttavia non sono ancora state rese note le modalità con cui saranno eventualmente svolte le partite (A porte chiuse? Solo italiani? Inning?) e darei per certa la necessità di ulteriori incontri fra le società e la Federazione per approfondire le necessità di ciascuna e avere conferma delle squadre che saranno effettivamente ai nastri di partenza. Intanto si vive giorno per giorno in attesa di quelle certezze che sembrano, per quanto possibile, ormai necessarie. Da parte della nostra Società abbiate la certezza che metteremo in campo tutti gli accorgimenti che saranno richiesti per la tutela della salute dei nostri tesserati e poter cominciare quanto prima almeno gli allenamenti in campo. Come Società stiamo tenendo duro e non molliamo: per il momento non abbiamo dovuto registrare significative rinunce formali di sponsor, gli incassi come comprensibile in questa situazione di difficoltà generalizzata ritardano, ma l’attività, quando riprenderà, sarà in linea con i progetti e gli obiettivi che ci eravamo prefissi a inizio stagione. Il Parma Baseball è pronto a ripartire, sarà dura per noi come per tutti ma supereremo ogni difficoltà con il massimo entusiasmo e desiderio di essere protagonisti del campionato, qualunque esso sia. Il coronavirus ha vinto la prima partita ma la serie è lunga e, noi e le altre squadre, sapremo reagire con l’orgoglio che contraddistingue il nostro sport.

Dobbiamo portare ancora pazienza, tutta quella che ci è ancora rimasta. Almeno questa volta, qualche timido segnale di ottimismo si vede all’orizzonte. Prima o poi finirà anche questa vicenda e poco alla volta speriamo di ritornare alla normalità della nostra vita, però per adesso continuiamo a seguire senza eccezioni e scrupolosamente le disposizioni del Governo e della Federazione.

Per fortuna, nessun tesserato della Società sta subendo conseguenze fisiche dalla situazione che stiamo vivendo, e questa è la notizia più bella. Quando sarà il momento di ripartite, saremo tutti ai nostri posti, determinati più che mai per la conquista di un futuro vincente e in salute.

Come tutti i dirigenti, anch’io sono chiuso in casa ma, adesso e domani, sarò sempre a disposizione via mail o telefono per quanto possa esserci di bisogno: non esitate a chiamarmi se utile o necessario. “

A presto in campo, più forti e motivati di prima.

Un abbraccio virtuale e una altrettanto virtuale stretta di mano.

Per il Comitato Direttivo

Il Presidente

Paolo Zbogar

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome