Home Serie A1 Il nuovo Collecchio è pronto alla sfida

Il nuovo Collecchio è pronto alla sfida

Deotto, Nardi e i due stranieri Alcala e Joseph i rinforzi per il neo-manager Mirabal, affiancato dal nuovo picchino-coach Yendis. Annunciato un importante accordo di collaborazione con lo Junior Parma. Sabato prossimo l'esordio sul campo della neopromossa Parma Crocetta.

0
138

Ormai ci siamo: manca meno di una settimana all’esordio del nuovo Collecchio, affidato alla guida di Charlie Mirabal, nella sua seconda stagione consecutiva nella massima serie.

La squadra pedemontana, in questo nuovo, atipico, campionato di serie A, è stato inserito nel girone “parmigiano”, ossia in quello che comprende anche Farma Crocetta, Ciemme Oltretorrente e Sala Baganza, oltre al Modena, unica compagine del raggruppamento non proveniente dalla nostra provincia.

Quella guidata dal nuovo manager colombiano, sarà una squadra decisamente rinnovata, rispetto a quella che si fece onore nel mini campionato del 2020: tornati allo Junior Parma Bertolini e Valenti, approdati al Parmaclima Battioni e Acerbi, ecco arrivare, dopo una serie di voci e smentite, il ricevitore friulano Alessandro Deotto, chiuso al Parma dall’arrivo di Astorri e Mineo. Insieme a lui, dal Parmaclima, arriva anche il lanciatore Francesco Nardi, in una sorta di passaggio di consegne con Edoardo Acerbi. Il jolly di esperienza, con i suoi 35 anni, che serviva al gruppo di lanciatori italiano, del quale fanno sempre parte Diego Fabiani, Lorenzo Dallaturca e Manuel Santana. Ma i pezzi da novanta della campagna di rafforzamento invernale, arrivano dal sudamerica. Per il monte di lancio è approdato a Collecchio il colombiano Elkin Enrique Alcala Cardoza, lanciatore destro, che compirà ventiquattro anni ad agosto, dotato di una palla veloce, stimata oltre le novanta miglia.Ha firmato giovanissimo con la franchigia dei Miami Marlins nel 2016 ed è stato assegnato per un paio di campionati alla squadra di GCL dei Marlins a livello di Rookie League.

Nel 2018 passa in Singolo A con i Batavia Muckdogs, per arrivare fino in Singolo A Avanzato con i Jupiter Hammerheads, con cui gioca fino al termine del campionato 2019.

Nel 2020 è confermato in A+ dai Marlins, ma il blocco dei campionati della Minor League gli impedisce di tornare negli Stati Uniti e durante il periodo invernale viene rilasciato dalla franchigia della Florida.

Nell’inverno scorso ha partecipato alla Liga Colombiana con i Tigres de Cartagena, dove è stato impiegato sia come partente che come rilievo, terminando la stagione con la sconfitta in finale contro i Caimanes.

Lanciatore nel giro della nazionale colombiana, ha al suo attivo la partecipazione ai Mondiali Under23 nel 2018 con la Colombia.

Il secondo straniero è invece un interbase-esterno dominicano, fortemente voluto dal manager Charlie Mirabal. Si tratta di Manuel Joseph, classe 1994, ingaggiato nel 2012 dalla franchigia dei Detroit Tiger, ha poi militato per tutta la carriera nella Dominican Summer League, a livello di Rookie League. In tre anni ha ottenuto una media battuta complessiva di .338 con 14 fuoricampo e 126 punti battuti a casa.

Le ultime stagioni ha giocato nel campionato invernale colombiano, prima tra i Toros de Sincelejo poi tra le Tigres de Cartagena dove è stato compagno di squadra del neo “collecchiese” Alcala.

Le sue statistiche di fine stagione parlano di una media battuta .248, 3HR, 18 punti battuti a casa e 7 basi rubate su 8 tentativi.

Confermati gli altri protagonisti della passata stagione: in campo interno giostreranno Alfieri, Benetti, Coffrini e Calasso, mentre l’erba degli esterni sarà calpestata da Mantovani, Melegari, Pasotto e Trolli.

A rinforzare lo staff tecnico è arrivato infine un nuovo pitching coach: il venezuelano, con passaporto colombiano Luis Yendis, ex compagno di Mirabal nei Caimanes de Barranquilla. Sarà il responsabile dei lanciatori per tutte le categorie, dalle giovanili, alla serie A e lavorerà in stretta collaborazione con i pitching coaches delle singole squadre. Una decisione presa nell’ottica di potenziare l’area tecnica, per dare maggiori opportunità di sviluppo ai tanti giovani promettenti delle categorie giovanili.

Ultima, ma non meno importante, la notizia dell’accordo di collaborazione con lo Junior Parma.  Un accordo che darà la possibilità a tutti i giovani tra i 15 e i 21 anni, di arricchire il loro percorso di crescita, giocando indifferentemente, a seconda delle necessità loro e delle rispettive società, sia in serie B con la società di via Parigi, che in serie A con il Collecchio. Un progetto fondamentale, soprattutto alla vigilia di una stagione che sarà ancora, a causa della situazione sanitaria, fortemente ridotta, che darà ai giovani di entrambe le società la possibilità di aumentare sensibilmente gli inning giocati. Cosa resa possibile dal fatto che il Collecchio giocherà praticamente sempre di sabato, mentre, come noto, lo Junior scenderà in campo la domenica.

Il Collecchio esordirà in campionato sabato prossimo alle ore 15,00 allo “Stuard-Fainardi”, in casa della neopromossa Parma Crocetta, che inaugurerà così anche il nuovo impianto di illuminazione.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome