Parma doveva vincere a tutti i costi, per Bologna, che probabilmente ritiene più pericolosa Parma in semifinale, era poco più di un allenamento. Il primo incontro di recupero della prima giornata di intergirone è finito come era prevedibile e logico che finisse: 3-1 per il Parmaclima.

Gianguido Poma recupera quasi tutti i suoi infortunati, a parte Poma e Battioni, Frignani lascia fuori quattro titolari (Josephina, Grimaudo, Fuzzi e Dreni)

Parma ha fatto il minimo indispensabile, Bologna ancora meno: un lancio pazzo al primo inning, un fuoricampo di Koutsoyanopoulos al terzo e un doppio di Astorri al sesto, poi spinto a casa da Talevi con un singolo. Una gran prova di Montilla, che ha avuto un solo cedimento al quinto, quando Bologna ha dimezzato lo svantaggio e una perfetta chiusura di Contreras.

Per il resto è sembrato quasi che Bologna non volesse disturbare, nonostante Parma continuasse a sprecare occasioni su occasioni: succede al primo, dopo il punto del vantaggio di Koutsoyanopoulos, quando Mineo batte in doppio gioco con corridori in prima e seconda; succede al secondo, quando, dopo il singolo in apertura di Sambucci, arriva una nuova battuta in doppio gioco di Astorri; succede al quarto, quando con un out, dopo il doppio di Sambucci e la valida di Astorri, Talevi prima e Desimoni poi, terminano al piatto. Succede infine al sesto, quando, dopo il punto del 3-1, segnato da Astorri, su singolo di Talevi, con un eliminato, Desimoni esegue un perfetto quanto inutile bunt di sacrificio tra il terza base Gonzales Taveras e il lanciatore Gonzales Polanco che difende ottimamente e effettua l’eliminazione del corridore più avanzato, in seconda base. Molto positivi i numeri dei lanciatori: solo tre valide con sette strike-out per Montilla, tre strike-out e nessuna valida in due inning per Contreras. Bene così, ma Parma deve iniziare a pensare che nei play-off certe occasioni non possono essere sprecate, mentre Bologna deve stare attenta, perché recuperare la tensione agonistica, dopo aver giocato in “supplesse” per tanto tempo, diventa problematico…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome