Come nella famosa serie di finale del 2020, Parma fa sua Gara-7 contro Bologna con il punteggio di 2-1 e torna in finale scudetto, dopo quattro anni!! Da giovedì sera si giocherà il titolo contro San Marino, campione uscente e potrà tentare l’agognata doppietta Coppa-Scudetto, come non avviene ormai dal lontano 1995.

Una vittoria sofferta e strameritata, ottenuta con grande carattere e intelligenza, tuttavia favorita da un’incertezza difensiva e da un errore arbitrale che, comunque, a velocità normale non era facile riconoscere.

Succede tutto al quinto inning, dopo quattro riprese equilibratissime, nelle quali il maggior colpo di scena era stata l’uscita del partente di casa Rivero per infortunio, risultata poi determinante: Rodriguez batte valido, Talevi lo fa avanzare in seconda con un perfetto bunt di sacrificio e Flisi viene colpito (apposta?). A quel punto l’azione decisiva: Koutsoyanopoulos alza una volata corta davanti all’esterno destro Deotto, uno dei due ex dell’incontro, che non riesce a raggiungerla e poi se la fa scappare, permettendo a Rodriguez di segnare il punto del vantaggio e a Flisi di giungere in terza. Allora la panchina ordina uno squeeze play, ne esce una via di mezzo tra lo squeeze e il bunt, mal eseguito, sul quale il ricevitore Liberatore è lesto ad alzarsi e raccogliere la pallina, ma si gira male e fatica a raggiungere Flisi lanciato verso casa base che, per evitare la toccata esce dalla corsia e poi scivola sul piatto sotto gli occhi dell’arbitro di casa base che chiama il salvo. Il replay televisivo mostrerà chiaramente la manica del giocatore del Parma che si muove al tocco del guantone del ricevitore del Bologna, ma a velocità normale era davvero difficile captarlo, tanto che nessun giocatore bolognese protesta. Buon per Parma, male per Bologna che, per la seconda volta nella serie esce penalizzata. I felsinei però non demordono e al cambio campo accorciano le distanze, rendendo un autentico thrilling i due inning finali. Habeck sale al sesto per un ottimo Montilla e chiude da campione, poi realizza rapidamente due out nel settimo, ma non riesce a chiudere su Grimaudo che guadagna la base ball, imitato poi da Bertossi. Va nel box Paolini, che esegue una lunghissima volata a destra, destinata al warning-track, ma Noel Gonzalez compie un autentico miracolo, la raggiunge e la coglie al volo, scatenando la gioia di compagni e tifosi giunti da Parma. Da giovedì sera a San Marino i campioni d’Europa tenteranno di tornare anche Campioni d’Italia. Adesso è giusto festeggiare!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome